lunedì 6 luglio 2020

Recake 2 - Nel bunker per un mese!

Vi siete mai chiesti quali sono i criteri con cui scegliete la ricetta da realizzare? Io di ricette e di foto stupende ne vedo a decine e decine ogni giorno. Ma con alcune scatta qualcosa di speciale che mi fa dire: “ questa la devo assolutamente provare”. Il mio passaggio successivo è quello di screenshottare la ricetta per non perderla nei meandri del web (insieme alle altre 19.000 foto scattate con il cellulare, è il ritrovarle nei meandri del cell il problema!).
Così è stato per il dojima roll cake che a maggio mi ha portata a riaprire questo blog e a sperimentare per la prima volta un dolce giappo. E si è rivelata un’ottima scelta, non solo perché il dolce è buonissimo, ma anche perché il mio è stato il miglior dolce realizzato per il mese di maggio e mi ha permesso di entrare per un mese nel bunker con le simpaticissime Giulia e Alessandra! 
Il dolce che ci accompagnerà nella recake di luglio e agosto è fresco (io l’ho realizzato in una giornata in cui il termometro segnava 36 gradi!!! Non potevo accendere il forno) con un sapore insieme dolce e pungente. Dosando bene gli ingredienti si avrà il connubio perfetto tra l’aspro del limone e il sapore dolcissimo della base di oreo. 
Per chi è vegano può sostituire il burro con l’olio di cocco e la colla di pesce con l’agar agar. Gli oreo sono vegan già di loro e ve li consiglio nella loro versione bianca perché bilanciano proprio bene il forte gusto di limone! 

Vi ho incuriosito? Ecco a voi la ricetta!



NO BAKE LEMON TART



Ingredienti: 

Per la base:
450 g di oreo Bianchi (o altri biscotti che preferite)
50 g di burro (o di olio di cocco)

Per la crema:
500 ml di latte di cocco
70g di zucchero
120 g di succo di limone 
Scorza grattugiata di un limone bio
6 g di colla di pesce (o 1/2 cucchiaino di agar agar
1/2 cucchiaino di curcuma per colorare

Per la decorazione:
usate frutta a piacere, per me pesche e ciliegie




Procedimento:

In un mixer frullare gli oreo e aggiungere 50 g di burro. In una teglia compattare il composto con le mani o con un cucchiaio. Cercate di creare una base uniforme, ricoprendo anche i bordi.

Se usate la colla di pesce mettetela a bagno in acqua freddissima per una decina di minuti. 

Mettete in una casseruola tutti gli ingredienti necessari. Portare ad ebollizione mescolando in continuazione. Quando comincia a sobbollire abbassate la fiamma per continuando a mescolare aspettate che si addensi. Ci vorranno pochi minuti. Spegnete il fuoco e aggiungere la colla di pesce, amalgamando bene il tutto.

Fate raffreddare un po’ fino a che il composto sarà a temperatura ambiente e dopo traferitelo nel guscio di biscotti e lasciate raffreddare in frigo per almeno 3 ore, meglio sarebbe per l’intera notte. 


Veniamo alle regole. 
1. Bisogna realizzare una tart fredda senza cottura (no frolla o brisee). 
2. Bisogna realizzare un curd senza uova (si può cambiare l’agrume).

Ecco a voi la locandina da salvare sul blog!



Avete tempo per partecipare fino al 31 agosto!
Qui sotto i link alle bravissime organizzatrici:

 Giulia
Alessandra


sabato 30 maggio 2020

A VOLTE RITORNANO...

Cinque anni. Tanto il tempo passato dall'ultima volta che ho schiacciato il pulsante "Accedi" di questo blog. E stamattina non ricordavo nemmeno come si scrive un post, come si inseriscono le foto, come si fa a dare una sistemata a un layout che è evidentemente superato. 

Nell'ultimo post dicevo proprio che la cucina, il blog, la passione coltivata per tanti anni era finita alla fine della mia lista di cose da fare, schiacciata dai mille impegni di una vita romana e di un lavoro appena trovato. Ora quel lavoro è diventato faticosamente un contratto a tempo indeterminato, affiancato da un diploma di specializzazione post lauream e da un secondo (solo per tempo) lavoro autonomo. Ma soprattutto la mia vita si è arricchita quando sono diventata mamma di un bellissimo bimbo di quasi 4 anni. La passione per la cucina, la fotografia sono state un sottofondo nel vortice di impegni di questi cinque anni. 

Cosa è cambiato ora? Eh eh come per tutti, il rimanere rinchiusi forzatamente dentro casa ha rivoluzionato non poche certezze conquistate con tanta fatica negli anni. Ma mi ha dato anche la possibilità di pensare a cosa ho rinunciato in questi anni, a un po' di tempo per me, per cucinare, fotografare, leggere, sperimentare. Ed è stato tempo utile per ristabilire un ordine nella scala dei valori facendo pulizia di quelle attività che a oggi non hanno più un senso. 

E insomma... post pesantino per ricominciare, ma lo associo a una ricetta di un dolce leggero come una nuvola, anche questo ripreso da una tradizione lasciata un po'di anni fa: il gruppo di Recake. 
Questo mese hanno progettato un rotolo giapponese sofficissimo, praticamente una chiffon cake fatta rotolo, riempita con tanta panna.


DOJIMA ROLL CAKE


Ingredienti:

Per il rotolo: (io ho usato una tortiera da 24x30)
4 uova separate
100 g di zucchero (50 per gli albumi, 50 per i tuorli)
50 ml di latte
50 ml di olio di semi
80 g di farina
aroma di vaniglia

Per la crema:
200 ml di panna fresca
50 g di mascarpone
3 cucchiai di zucchero a velo
fragole


Procedimento: 
Separare i tuorli dagli albumi. Lavorare i tuorli con una frusta elettrica, aggiungendo 50 g di zucchero, fin quando non otterrete un composto cremoso. 

Aggiungete il latte e l'olio e quattro gocce di aroma di vaniglia e continuate a mescolare.

Unite la farina e mescolate con una spatola dall'alto verso il basso per non smontare il composto (attenzione non con le fruste elettriche!)

In un'altra ciotola montate gli albumi a neve e quando cominciano a schiumare aggiungere a poco a poco lo zucchero fino a formare la classica meringa.

Unite il composto di albumi al primo composto, mescolando sempre con una spatola, dall'altro verso il basso.

Accendete il forno a 180 gradi.

Foderate la teglia con della carta forno e versatevi sopra il composto, livellatelo e mettetelo in forno per 15 minuti. Poi fate raffreddare completamente prima in teglia, poi su una gratella (tenete sempre la carta forno).
Rifilate i bordi della base creando un rettangolo dritto. 

Preparate la crema montando insieme prima la panna, aggiungendo il mascarpone e infine lo zucchero poco per volta.

Quando la base sarà fredda spalmate la crema in maniera uniforme sul rotolo. Poi con la crema rimanente fate una piccola montagnetta a un terzo del rotolo e metteteci le fragole in mezzo. Arrotolate 
il pan di spagna aiutandovi con la carta forno e chiudete bene. Mi raccomando non deve esserci la spirale, i lembi devono combaciare (la foto vi aiuta a capire). 

Mettete in frigo a riposare almeno un paio di ore prima di rimuovere a carta forno, poi scartarlo e decorarlo con altre fragole. 
 


Con questo post partecipo alla sfida di Recake 2 di 





lunedì 13 aprile 2015

Fagottini con ripieno di pere e ricotta in salsa di noci

A volte sparisco, risucchiata senza speranza nel vortice di lavori, studio e impegni vari. A volte mi sembra che il tempo corra velocissimo e che a fine giornata non ci sia spazio per gli hobby che tanto mi piacciono. Ed è così che questo spazio finisce sempre per essere, purtroppo, l'ultimissimo pensiero nella lista delle cose da fare. 
Appena ho un secondo di tempo però i miei pensieri vanno alle ricette, agli utensili e le mille caccavelle che aspettano con impazienza di essere usate, agli ingredienti che non ho ancora provato e mi sento subito rigenerata.
Questa è una ricetta nata un po' di tempo fa, la prima volta che ho fatto la pasta fresca da sola, con la sfoglia rigorosamente stesa a mano (che fatica, non c'ho il fisico!).
E' stato un gran successo, sicuramente da replicare! Ed è l'occasione giusta per allenare le braccia senza andare in palestra!

Con questa ricetta partecipo alla sfida di Sedici - Alchimia dei sapori per la categoria formaggi di capra (la ricotta) associato alle pere. Che dire, io adoro le pere mangiate già da sole. Ma secondo me questo frutto dà il meglio associato ai formaggi.
Sapete una cosa che mi viene in mente? Fino a pochi anni fa io non mangiavo assolutamente formaggi, nemmeno il parmigiano. La prima volta che ho mangiato una pasta ripiena con del formaggio è stato proprio con dei ravioli ricotta e pere. Questa ricetta mi ha fatto tornare in mente quel momento in cui, seduta a tavola, continuavo ad alternare la vista del piatto alla faccia del mio ragazzo che mi esortava a mangiare, con un'aria davvero scettica. Poi dopo il primo lentissimo morso è stato amore....quanti anni di questa bontà che mi sono persa! Che dire allora, non resta che lasciarvi la ricetta!

FAGOTTINI CON RIPIENO DI RICOTTA, PERE E PECORINO IN SALSA DI NOCI 


Ingredienti: 
Circa 70 pezzi
Per la pasta:
200 gr di farina
2 uova

Per il ripieno:
2 pere abate
150 gr di pecorino
100 gr di ricotta di pecora
1 cucchiaio e mezzo di semi di papavero
una noce di burro
sale e pepe

Salsa di noci, io una regalata da una amica

Per finire una spolverata di  parmigiano e pinoli tostati

Procedimento

In una ciotola mischiare la farina con le uova. Amalgamare un uovo alla volta fino a completo assorbimento. Lasciate riposare per almeno mezz'ora. 
Tagliare le pere a cubettini. 
In un pentolino sciogliere il burro, fate cuocere le pere per cinque minuti continuando a mescolare. Fate raffreddare.

Setacciate la ricotta. Unite le pere, il pecorino grattugiato, i semi di papavero, sale e una spolverata di pepe. 

Stendete la pasta e ricavate dei dischi tondi con un coppapasta. Adagiate su ogni dischetto un mezzo cucchiaino di ripieno, bagnate con un pennello un bordo con dell'uovo sbattuto. Chiudete il fagottino e schiacciate i bordi o con l'aiuto di una forchetta o con l'attrezzo apposito per chiudere i fagottini (io ho usato quello).

Non riempite eccessivamente il fagottino o si romperà. 

Fate bollire l'acqua e fate cuocere per 4 minuti. 

In una padella dove avrete scaldato la crema di noci fate finire la cottura dei fagottini. Finite con una spolverata di parmigiano e servite caldissimi. 

Per la categoria formaggi di capra, ospitata nel blog Il micio sazio

venerdì 6 marzo 2015

Plumcake di mele, nocciole e avena

Così come puntualmente dopo l'inverno arriva la primavera, in casa nostra dopo gennaio inizia la dieta. E ogni anno facciamo il piano di combattimento per sconfiggere zuccheri, carboidati, panza (per lui) e prosciutti (per me).
E come ogni anno dopo i primi giorni di onorata resistenza a tutti i cibi buonissimi e infinitamente grassi, andiamo in astinenza da zuccheri e cediamo di nuovo alle dolci tentazioni. Quest'anno però cerchiamo di limitare i danni, scegliendo ingredienti alternativi e meno raffinati.
Così quando ho visto questa torta nel nuovo recake 2.0 non ho saputo resistere. Per me questo è un dolce dietetico... e che sia vero o meno, per quanto dietetico possa essere un dolce, continuo a raccontarmi questa storia impastando di volta in volta farine diverse e affettando fette di mela da appoggiare sopra la superficie della torta. Anche se sono in ritardo rispetto alla gara la pubblico lo stesso perchè mi è piaciuta davvero troppo.
Non ci credete? Provatela, è buonissima!

PLUMCAKE DI MELE, NOCCIOLE e AVENA 


Ingredienti:
105 g di farina integrale setacciata
60 gr di farina di avena
50 gr di farina di nocciole
50 gr di nocciole tritate
3 uova
150 gr di zucchero di canna
125 ml di olio
125 ml di latticello
1 bustina di lievito per dolci
2 cucchiai di crusca di avena e due per la copertura
1 cucchiaio di fiocchi di avena
1/2 cucchiaino di sale
1/2 cucchiaino di cannella
1/4 di cucchiaino di zenzero in polvere
1 bacca di vaniglia o 1 cucchiaio di essenza
2 mele sbucciate e tagliate in piccoli spicchi
50 gr di speculoos

Per il latticello:
65 g di latte scremato
65 gr di yogurt magro
3-4 gocce di limone

Procedimento: 
Iniziate preparando il latticello. In una coppetta mischiate latte e yogurt e aggiungete il limone. Lasciate riposare per almeno venti minuti. Ne avanzeranno 5 gr. 

In una ciotola mischiate gli elementi secchi farina integrale, farina di nocciole (io l'ho ottenuta tritando finemente le nocciole), le nocciol tritate, la farina di crusca, la crusca e il lievito, il sale e le spezie. 

In una seconda ciotola unite le uova e sbattetele con lo zucchero, aggiungete il latticello, l'olio, l'estratto di vaniglia. Dopo aver mescolato tutto aggiungeteli agli ingredienti secchi e mescolate con cura fino a ottenere un impasto omogeneo. 

Oliate e rivestite la teglia con della carta forno e versate dentro l'impasto. Disponete sopra le fettine di mela, nocciole intere e tritate, gli speculoos tritati, la crusca e i fiocchi di avena. Infornate a 180 gradi per 40 minuti. Prima di sfornare fate la prova stuzzicadente. 

Godetevi il vostro plumcake! Buon appetito!