sabato 9 giugno 2012

I taralli li faccio io!

Ormai sono due settimane che sono arrivata in un paesino dell'entroterra imperiese, 807 abitanti, due vie, un alimentari, una farmacia, una tabaccheria, un ufficio postale e tre chiese. Anche la casa è un piccolo rifugio fermo agli anni 70 dove non arriva nè il segnale del digitale terrestre nè tanto meno l'adsl. Non sapete la fatica per prendere il segnale quando devo scrivere un post. In compenso il tutto è circondato da verdi colline e da un ruscelletto che, insieme al rintocco delle campane, è l'unica fonte di rumore che può essere percepita la notte. Con la cucina mi è andata un pochino meglio rispetto al resto...almeno fuochi e forno ci sono e funzionano, anche se pentolame e utensili vari scarseggiano. Grazie al cielo sono solo tre mesi, poi ritorneremo alla vita frenetica della città. Io nel frattempo mi godo la pausa dalla civiltà tecnologizzata facendo solo due cose: leggere e cucinare...tempo tre mesi e sarò diventata una palla moooooolto acculturata.
Tra i vari esperimenti culinari vi mostro quello pugliese, i tarallini come li chiamiamo noi. Perché se non arriva il segnale tv non arriveranno nemmeno questi nell'unico negozio che c'è. E allora, almeno questi, me li faccio da sola.

TARALLINI ALL'OLIO



Ingredienti:
300 gr di farina manitoba Rosignoli Molini
150 ml di vino bianco secco
250 ml di olio evo
sale qb

PROCEDIMENTO:
Impastare la farina con il vino e l'olio ottenendo un impasto morbido e soffice. Lasciate riposare 45 minuti in un luogo asciutto (l'ideale sarebbe una ciotola di vetro coperta da un telo e avvolta in una coperta).
Dopo il tempo di riposo prendete una piccola porzione di pasta, ricavate un vermicello e unite le due estremità. 
Fate bollire dell'acqua salata in una pentola e immergetevi i taralli impastati per qualche minuto. Emergeranno come se fossero gnocchi.
Lasciateli asciugare e poi posizionateli su una teglia che andrò in forno a 180° per circa 30 minuti. 
**Se preferite potete aggiungere all'impasto anche dei semi di finocchietto. In Puglia esistono entrambe le versioni e sono entrambe ottime. 



Con questa ricetta partecipo al contest di Francesca, Aria in Cucina:


20 commenti:

  1. Grazie veramente per questa ricetta, i taralli sono la mia passione li farò sicuramente!!!!

    RispondiElimina
  2. Ahahha pensa che anche io ho vissuto la tua esperienza. Però andare alla posta convinta di prendere il bibliettino e aspettare almeno un'ora per poi trovarsi faccia a faccia con l'impiegata non ha davvero prezzo :-) Buonissimi i taralli, anche io li chiamo così e sono davvero squisiti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono andata giusto l'altro giorno...4 metri quadri di ufficio e un solo sportello...fossero tutti così gli uffici postali...!

      Elimina
  3. Li fai e sei bravissima...complimenti, sono buoni e perfetti. Ciao.

    RispondiElimina
  4. grazie! mi piacciono da matti i taralli!

    RispondiElimina
  5. li adoro copio la ricetta di corsa grazie

    RispondiElimina
  6. Ma complimenti!!!!!
    Sono venuti benissimo....
    Un bacione cara e buona Domenica al suono delle campane

    RispondiElimina
  7. Che belli, bravissima! Ovviamente ti copio la ricetta così farò felice il maritino pugliese...
    Buona domenica
    Tiziana

    RispondiElimina
  8. Fai bene a farteli da te! e secondo me sono anche migliori di tutti!;) Un bacione e buona domenica!

    RispondiElimina
  9. Che buoooni i taralli! Li adoro e quando li compro sono capace di finirmi un pacchetto in mezz'ora!
    Pensa fatti in casa.... non puoi tentarci così però!!!:)

    RispondiElimina
  10. Quindi sei già in vacanza?? aaaah che bello!! In un paesino tranquillo, ogni tanto ci vuole, per staccare la testa e ricaricare le pile!!
    I taralli ti sembrano venuti alla perfezione!! bravissima!!

    RispondiElimina
  11. Mi piacciono tanto i taralli !!!

    RispondiElimina
  12. li fai tu e me li mangio io ^_^

    RispondiElimina
  13. Mi piacciono da matti i taralli in generale e i tuoi sono fantastici!uN BACIO

    RispondiElimina
  14. I tarallini!!!!! Mi ricordano la Puglia, che se non sbaglio è la tua terra di origine!!!! :D
    Sembrano fragranti come quelli che prendo sempre al forno che ho vicino a casa in ferie.. Ottimi!!!!
    Complimenti!!!!!!

    A presto, Giada.
    http://sorbettoalimone.blogspot.it/

    RispondiElimina
  15. Ciao Maria, come va allora nel nuovo ambiente? mi sembra bene nonostante qualche difficoltà, e i tarallini sono perfetti! Un bacione a presto

    RispondiElimina
  16. wow!! quante belle ricette mi hai conquistata da oggi hai una fans in più se ti va vienimi a trovare ciao rosa

    RispondiElimina
  17. che buoni !!li adoro ma sono allergica a lievito(quindi anche vino) e glutine... ma non mollo proverò a farli con i miei ingredienti e prima o poi ci riuscirò non posso farne a meno!!!!...bel blog ti seguo e se ti va vienimi a trovare in amici allergici.blogspot.com un blog per allergci e non per mostrare quanto sia simile il nostro mondo all'apparenza molto distante. ciao ciao

    RispondiElimina